Skip to content
Archivio articoli per la categoria Pier Luigi Milani.

In libreria Cincali! E-Migranti

Articolo pubblicato sul notiziario di gennaio di “Gente Camuna

In libreria –  Pier Luigi Milani (a cura di) – Cincali! E-Migranti –
Circolo Culturale Ghislandi – Comune di Malegno – Tip. Brenese – ottobre 2017

Cincali! recensione Gente Camuna

“CINCALI”. Il libro di Milani sull’immigrazione di ieri e di oggi

Servizio TeleBoario in data 10 dicembre 2017

Nel libro di Pierluigi Milani dal titolo “Cincali” si raccontano le storie di ieri e di oggi dell’immigrazione

Cincali!

Servizio +Valli TV in data 1 dicembre 2017

con la partecipazione dell’autore Pier Luigi Milani e del Sindaco di Malegno Paolo Erba

CINCALI!
Storie di vite e di emigrazione in transito per Malegno. Sono raccontate nel libro Cincali  del circolo culturale Ghislandi curato da Pier Luigi Milani che sarà presentato a Malegno domenica 3 dicembre 2017 alle ore 20.30 nell’ambito delle iniziative per la festa patronale di S. Andrea.

Cincalì! E-migranti: storie di vita in transito per Malegno

In uscita a fine novembre “Cincalì! E-migranti: storie di vita in transito per Malegno” a cura di Pier Luigi Milani, progetto editoriale del Circolo culturale “G. Ghislandi” e del Comune di Malegno.

Pier Luigi Milani  ha raccolto nel 2006 la storia di Nino Simonetti (classe 1946) e  nel 2017 quella di Muzammel Adam  (classe 1993), tra loro lontane per spazio e tempo, eppur simili: entrambe hanno Malegno come comun denominatore, paese di partenza e di ritorno per il primo, di arrivo e “adozione” per il secondo. Due giovanotti sbalestrati dagli accidenti e dalle opportunità della vita in altri mondi, nei quali sono riusciti a inserirsi, adattandosi, facendosi volere bene e volendone alla gente in cui si sono imbattuti: la Svizzera per Nino, l’Italia per Adam.

Introduzione a cura di Giancarlo Maculotti, Presidente del Circolo culturale “G.Ghislandi” e di Paolo Erba, Sindaco di Malegno

Leggete questo libro come se foste monaci sul monte, vecchi saggi un po’ distaccati dalle cose del mondo. Provate a vedere la storia dell’uomo nel suo insieme, nel corso dei secoli. Potreste scoprire una piccola verità sull’essere umano: l’Uomo ha sempre migrato, per bisogno, per necessità, per desiderio, per aspirazione, per miglioramento personale.

Domenica 3 dicembre ore 20,30 presentazione ufficiale a Malegno presso la sala del Centro diurno Anziani, via Cava n. 40 

locandina presentazione Cincali_Malegno

Nel bicentenario della “Febbre petecchiale” del 1817

Sabato 6 maggio 2017  inizio ore 14.35

Convegno storico con letture rievocative “Nel bicentenario della Febbre petecchiale del 1817”

presso il salone delle conferenze della Pia Fondazione di Valle Camonica a Malegno

Locandina Pia fondazione_ convegno Febbre petecchiale 1817

Videofotogallery “Il Tribunale del Duce” di Mimmo Franzinelli

Giovedì 20 Aprile 2017 alle ore 20.30 INCONTRO con MIMMO FRANZINELLI con la presentazione del suo nuovo libro “Il tribunale del Duce. La giustizia fascista e le sue vittime (1927-1943)” presso la sala del Consiglio Comunale del Municipio di Malegno.

Saluti dell’amministrazione comunale di Malegno a cura del Sindaco Dott. Paolo Erba, ha presentato l’Avv. Pier Luigi Milani, ha interloquito con Mimmo Franzinelli l’Avv Federico Nobili.

Foto gallery “Quale Francesco?”

9 giugno 2016.

Presentazione libraria “Quale Francesco? Il messaggio nascosto della Basilica superiore di Assisi– con l’intervento dell’autrice Chiara Frugoni introduce Virtus Zallot. Saluti del’ex presidente del Circolo Ghislandi Pier Luigi Milani e presentazione dell’autrice a cura di Mimmo Franzinelli, presso la Pieve di San Siro a Cemmo di Capo di Ponte.

 

Foto gallery “Disertori”

Presentazione libraria “Disertori. Una storia mai raccontata della Seconda guerra mondiale” con l’intervento dell’autore Mimmo Franzinelli e l’introduzione di Pier Luigi Milani. Saluti del presidente del Circolo Ghislandi Giancarlo Maculotti e dell’assessore alla cultura della Comunità Montana di Valle Camonica, presso il Palazzo della Cultura di Breno.

I sentieri della Libertà

Lunedì 25 Aprile 2016

In occasione dell’anniversario della liberazione è stata organizzata una passeggiata lungo i sentieri della resistenza della Concarena. Da Malegno si parte alle ore 8.30 dalla piazza Casari, per poi unirsi con i partecipanti di Cerveno e Lozio presso il ristoro dei Monti di Cerveno.

Locandina pdf

discorso 25 aprile 2016 ai Monti di Cerveno _Pier Luigi Milani

Appello del Presidente del Circolo culturale G.Ghislandi

I fatti di Parigi

Sconcerto e dolore per le vittime dell’ennesimo, gravissimo atto di terrorismo fanatico che ha colpito Parigi e tutti noi.
Ciascuno percepisce di poter essere uno di quei ragazzi accorsi allo stadio o al concerto o al museo.
In ciò la logica terroristica è coerente e non fa una piega, come a Sharm El Sheik (l’aereo russo abbattuto con i suoi 240 passeggeri), come a Beirut pochi giorni fa (41 morti) come ad Ankara poche settimane fa (la strage alla manifestazione pacifista), come a Tunisi pochi mesi fa (l’attacco al Museo del Bardo), ecc. ecc
Assistiamo a un’escalation impressionante che induce preoccupazione e angoscia. Proprio quello che vogliono i terroristi islamici, come del resto tutti i terrorismi.
In Italia dovremmo averne buona memoria!
Essi cercano di cambiare il modo di vita occidentale, causa di tanti guai nel mondo, ma anche foriero di libertà delle persone, di compassione verso chi soffre e verso i propri errori (spesso atroci), faro di emancipazione e di rifiuto della sopraffazione e dei fanatismi che periodicamente (forse strutturalmente) affliggono la specie umana.
Non possiamo dimenticare che l’Occidente è anche il simbolo delle persecuzioni e delle guerre di religione, da cui ne è però uscito con l’invenzione dello Stato liberale e laico; è il simbolo delle peggiori guerre mondiali e del cosiddetto Olocausto, dai quali è però uscito con l’invenzione dell’Europa unita e della istituzionalizzazione della Memoria; del colonialismo e dello schiavismo, da cui è uscito con un Presidente nero degli USA, è il simbolo dell’ingordigia inquinatrice e consumatrice delle risorse naturali, dalla quale però cerca di uscire facendosi carico di rimedi spesso insufficienti, ma concreti e migliorabili.

Oggi però tornano a soffiare i venti di Guerra; si dice: “siamo in guerra”, “il terrorismo ci ha dichiarato guerra e con la guerra occorre rispondere”, “prepariamoci a schierare i nostri aerei, le nostre navi da guerra, a inviare ovunque le nostre truppe”.
Come se poi tutto questo non avesse un ritorno. Come se l’art. 52 della Costituzione italiana non dicesse che le Forze Armate “difendono” la patria e l’art. 11 che l’Italia “ripudia la guerra”.

In un sol giorno rischia di andar perso tutto il patrimonio critico di un “anno di riflessioni sulla Prima Guerra Mondiale” e sulla non ineluttabilità del suo scoppio, sulle responsabilità degli opinion leaders dell’epoca e sull’ignavia di chi soffiò su quel fuoco, preparando tragedie successive ancora peggiori.
Il peggior regalo che si potrebbe fare ai criminali che hanno seminato strage e terrore a Parigi sarebbe la militarizzazione della nostra vita. Le nostre città perderebbero i flussi turistici e le vestigia della nostra civiltà diverrebbero mute e abbandonate.
Altri rimedi, di sicurezza e di ordine mondiale si impongono.
Nessuno ne ha la ricetta pronta, ma un grande insegnamento lo possiamo trovare nella nostra cultura.

L’Enciclica Laudato Si’ di Papa Francesco I, che discuteremo giovedì 19 novembre c.a. a Breno, al Palazzo della Cultura (che bel nome!) sarà perciò un’occasione per riflettere e condividere scelte e comportamenti coerenti.

Vi aspettiamo.
Il Presidente
Pier Luigi Milani

locandina convegno laudato sì 19 novembre 2015