Skip to content
Archivio articoli per la categoria attività.

Fotogallery presentazione La forgiatura in Valle Camonica

Convegno-Mostra Catalogna bombardata

CONVEGNO-MOSTRA LA GUERRA di SPAGNA (1936-39)

Commemorazione 80° anniversario della Guerra Civile Spagnola (1936-’39)
In memoria di un evento di così grande rilevanza, è doveroso ricordare una vicenda poco conosciuta che ha visto un ruolo decisivo dell’Italia fascista, sia pure in collaborazione con la Germania di Hitler e la Spagna di Franco: i bombardamenti navali ed aerei, iniziati il 30 ottobre 1936, su Barcellona e sulla Catalogna considerati come i primi bombardamenti terroristici contro i civili di una grande città militarmente indifesa.

sito dedicato alla mostra Catalogna bombardata

CONVEGNO presso l’Auditorium Liceo Golgi – Breno

Giovedì 29 settembre 2016

Mattino ore 11

  • Visita alla mostra a cura di Doriano Maglione, del comitato promotore nazionale
  • Presentazione del convegno a cura del prof. Giancarlo Maculotti, presidente del Circolo Culturale Ghislandi
  • Carlo Antonio BarberiniDinamiche e conseguenze della guerra di Spagna
  • Mariella MininiAntifasciste italiane in terra di Spagna

Pomeriggio ore 16.30

  • Carlo Antonio BarberiniDinamiche e conseguenze della guerra di Spagna
  • Mimmo FranzinelliFascisti e antifascisti nella guerra di Spagna
  • Mariella MininiAntifasciste italiane in terra di Spagna
  • Roberto CucchiniI bresciani nelle brigate internazionali
  • Vittorio VolpiUn volontario camuno: il legionario Oberto Ameraldi

La Mostra è allestita presso il Liceo Golgi di Breno da lunedì 26 settembre a sabato 1 ottobre 2016, presso il Palazzo della Cultura di Breno da lunedì 3 a sabato 8 ottobre. L’ orario di visita coincide con gli orari di apertura.

locandina-mostra-convegno-catalogna-bombardata   Adobe Photoshop PDF

locandina-mostra-convegno-catalogna-bombardata

pieghevole-esterno   pieghevole-interno

Il racconto di Gino

Presentazione di “Il racconto di Gino” – 2 Luglio 2016 ore 21 a Cevo, Sala Consiliare

Locandina Gino 2016

Solidarietà e Cultura

Inaugurazione sabato 2 luglio nella prima sala del Museo Camuno alle ore 17,00
SOLIDARIETÀ E CULTURA
L’archivio e la biblioteca della Società Operaia di mutuo soccorso Giuseppe Garibaldi di Breno
MOSTRA BIBLIOGRAFICA E DOCUMENTARIA
Breno, Museo Camuno durata della mostra: 2 luglio 30 – settembre 2016
Interverranno i curatori Sara Domenighini e Ivan Faiferri

locandina_soc operaia mutuo soccorso_breno

invito_soc operaia mutuo soccorso_breno

Quale Francesco? Il messaggio nascosto della Basilica superiore di Assisi

Giovedì 9 giugno ore 20.30

Pieve di San Siro – Cemmo di Capo di Ponte (mappa)

5° incontro del ciclo “Appuntamenti con la storia locale – nazionale” promosso dal Circolo culturale Guglielmo Ghislandi. E’ un’iniziativa promossa dal Circolo culturale Guglielmo Ghislandi con il patrocinio del C.C.S.S. e in collaborazione con gli ENTI ospitanti nei mesi di maggio e giugno a partire da giovedì 5 maggio. Gli incontri sono organizzati a Edolo, Capo di Ponte, Breno, Cividate Camuno, Piancogno e Boario Terme.

Quale Francesco? Il messaggio nascosto della Basilica superiore di Assisi– con l’intervento dell’autrice Chiara Frugoni introduce Virtus Zallot

9 giugno_quale francesco_frugoni

Il libro analizza tutti gli affreschi della Basilica superiore dimostrando che il programma fu concepito in maniera unitaria: gli episodi dell’Apocalisse e storie degli apostoli, dipinti da Cimabue nell’abside, dialogano con quelli, di circa una decina d’anni dopo, della controfacciata, di cui è proposta una spiegazione inedita. Importante è un dettaglio: nella Predica agli uccelli le colombe scese ad ascoltare Francesco risalgono in cielo e si trasformano nelle nuvole dell’Ascensione di Cristo. L’Ordine francescano è, secondo fonti pseudo-gioachimite, un Ordine «colombino» e proprio la voce di Gioacchino da Fiore, soprattutto mediante le opere che gli furono attribuite, diventa, attraverso il prudente filtro di Bonaventura, il cardine dell’identità francescana. Il santo, come voleva lo pseudo-Gioacchino, è cosí identificato, per l’inaudito miracolo delle stimmate, con l’apocalittico Angelo del sesto sigillo, dipinto da Cimabue nell’abside. Ed ecco un’altra novità: il ciclo francescano ha come fonte, oltre la Legenda maior di Bonaventura, un’altra sua opera, le Collationes in Hexaëmeron. Francesco, nelle Collationes, è il prototipo di un Ordine perfetto, puramente contemplativo, che si realizzerà però quando la Chiesa sarà divenuta anch’essa del tutto contemplativa. Veniva cosí sanato il contrasto fra gli ideali di strettissima povertà voluti dal santo e quelli, molto diversi, dei frati del tempo delle storie francescane (1288-92 circa), che potevano lecitamente vivere in bei conventi, studiare e insegnare, perché si preparavano all’attuazione del piano divino. Negli affreschi Francesco, a piedi nudi e con la barba, in preghiera e in contemplazione, è accanto ai confratelli dediti invece alla vita attiva, con i sandali, accuratamente rasati, perché ormai tutti chierici. Nell’abside però già si mescolano agli eletti ai piedi del trono di Cristo e Maria. Oltre alla novità della chiave interpretativa molti sono i particolari rintracciati e spiegati, per esempio l’aquila dipinta da Cimabue, quella che svetta sul fastoso San Damiano, la passerella della porta urbana che sta per cadere e i diavoli in caricatura nella scena dell’Estasi. Viene anche spiegato il soggetto del monocromo della colonna coclide che chiude l’ultimo episodio delle storie di Francesco, con l’esotico corteo di cammelli e di pagani che si lega agli adiacenti episodi dell’Apocalisse di Cimabue. Al lettore, il piacere di continuare la scoperta delle novità.

 

Appuntamenti con la Storia

Appuntamenti con la Storia è un’iniziativa promossa dal Circolo culturale Guglielmo Ghislandi con il patrocinio del C.C.S.S. e in collaborazione con gli ENTI ospitanti nei mesi di maggio e giugno a partire da giovedì 5 maggio.

Gli incontri sono organizzati a Edolo, Capo di Ponte, Breno, Cividate Camuno, Piancogno e Boario Terme.

brochure appuntamenti con la storia maggio-giugno 2016  locandina appuntamenti con la storia Circolo Ghislandi maggio-giugno 2016

brochure appuntamenti con la storia maggio-giugno 2016

locandina appuntamenti con la storia Circolo Ghislandi maggio-giugno 2016

  1. Giovedì 5 maggio ore 20.30 – Biblioteca di Piancogno (mappa) – Il Novecento di Tirda e Batistì –  con l’intervento dell’autore Alberto Panighetti introduce Giancarlo Maculotti.
  2. Venerdì 13 maggio ore 20.30 – Auditorium scuola media Tovini di Boario T.  (mappa) – La Guerra Bianca di Carlo Emilio Gadda – con l’intervento degli autori Giancarlo Maculotti e Pierangelo Ferrari introduce Paola Trotti.
  3. Giovedì 19 maggio ore 20.30 – Auditorium L. Chiesa Edolo (mappa) – Brillerà presto il sole della pace – con l’intervento dell’autore Antonio Stefanini   introduce Mimmo Franzinelli.
  4. Giovedì 26 maggio ore 20.30 – Palazzo Cultura di Breno (mappa) – Disertori – con l’intervento dell’autore Mimmo Franzinelli introduce G. Galli.
  5. Giovedì 9 giugno ore 20.30 – Pieve di San Siro Cemmo di Capo di Ponte (mappa)- Quale Francesco? – con l’intervento dell’autrice Chiara Frugoni introduce Virtus Zallot.
  6. Giovedì 16 giugno ore 20.30 – Centro Civico Cividate Camuno (mappa)- Testimoni di libertà – con l’intervento dell’autore Maurilio Lovatti introduce Agide Gelatti.

Per una Buona Pasqua

PrayForOurworld_
Cari/e associati/e, come presidente uscente e a nome del Consiglio di Gestione, desidero comunicarVi i migliori auguri di Buona Pasqua, quest’anno particolarmente necessari a fronte dei fatti luttuosi di Bruxelles. Il terrorismo islamista sarà debellato, come tutte le altre follie umane che l’hanno preceduto. Ciò costerà sofferenze e pena, ma noi abbiamo fiducia nel fatto che si uscirà dal buio tunnel in cui una parte dell’umanità si è infilata.
Con quest’anno si conclude la mia trentennale presidenza del Circolo culturale G.Ghislandi e, pur continuando a mettere a disposizione tutte la mie capacità a beneficio dell’associazione, sono sicuro che chi mi rimpiazzerà nell’ incarico saprà tenere alto il profilo e il nome del nostro sodalizio, che non è solo “culturale” (in senso freddo), ma è anche una comunità di amici e amiche collaboranti per far sì che la vita propria e altrui siano più interessanti e coinvolgenti.
Buona Pasqua, dunque, a chi è credente e a chi non lo è, all’ insegna del comune sentire della rinascita e della continuazione del dono meraviglioso della vita.”
il presidente uscente
Pier Luigi Milani

Assemblea sociale 2016

Contenuti presentati dai relatori

Auser Insieme Camuna Università della Liberaetà Una piccola ma vivace realtà culturale della Valle Camonica

15_assemblea sociale 5 marzo 2016

Ecomuseo delle miniere di Gorno – Il viaggio dello zinco fra alpeggi e miniere

16_assemblea sociale 5 marzo 2016

Le attività culturali nel Bresciano del Centro Filippo Buonarroti

17_assemblea sociale 5 marzo 2016

Il Bio-Distretto di Valle Camonica: una Rete in Verde in Valle Camonica

18_assemblea sociale 5 marzo 2016

La guerra bianca di Carlo Emilio Gadda. La permanenza in alta Valle Camonica nelle note del Giornale di guerra e di prigionia 1915-1916

 

Disertori. Una storia mai raccontata della seconda guerra mondiale

 

Visita a Chiari e al Castello di Padernello

Ghislandi e Liceo Golgi Una gara per la cultura

Bresciaggi 16.06.2015 –  articolo di L.Ranzanici

Il circolo ha dato alle stampe un volume storiografico. La scuola ha inaugurato le nuove biblioteche interne.

Locandina_Premio IFMS 2015_ web

Ancora una volta il circolo «Ghislandi» fa parlare di sé per un contributo alla promozione culturale; ma stavolta c’è anche un progetto di espansione. Una realizzazione è stata effettivamente attuata in campo editoriale, mentre l’altra è in itinere. Partiamo dal libro «Tra le pieghe di una vita» del gardesano Sergio Boem, che racconta le vicende del battaglione Valcamonica nella prima Guerra mondiale attraverso scritti e documenti di Ubaldo Ingravalle, nonno dell’autore: l’opera ha vinto il primo premio del concorso che il gruppo alpini di Azzano San Paolo (Bergamo) dedica a singoli cittadini e associazioni che si prodigano nel recupero di opere militari e di manufatti della Grande guerra. Le penne nere orobiche sono in prima linea nella divulgazione dei valori della Federazione internazionale dei soldati di montagna, e per la prima volta il loro riconoscimento è stato assegnato a un libro; quello, appunto, del Ghislandi. Il secondo traguardo? È appena dietro l’angolo, e il presidente Pierluigi Milani vuole raggiungerlo entro l’anno perchè nel 2015 ricorre il 50esimo della scomparsa di Guglielmo Ghislandi. Di cosa si tratta? Milani rivolge un appello ai simpatizzanti dell’associazione perché iscrivendosi contribuiscano al raggiungimento la quota di 100 soci. Proprio in questi giorni è nelle edicole il volume sulla vita e le opere del parlamentare brenese, con un saggio su Carlo Salvetti, che gli fu segretario e grande amico. Restando sempre in campo culturale e sempre a Breno, quello compiuto nell’ultimo giorno di lezioni è stato forse uno degli ultimi atti di Mario Martini, dirigente scolastico del Liceo «Golgi» che sta per andare in pensione. In un’aula magna stracolma di studenti, Martini ha presentato il «Progetto di valorizzazione alla lettura» che si realizzerà attraverso l’incremento del patrimonio librario, dell’uso e della gestione delle biblioteche e dei prestiti di volumi e testi. Al termine sono state inaugurate la biblioteca della sede centrale del liceo e quella dell’indirizzo Artistico. L.RAN.

 

CIRCOLO GHISLANDI QUOTA 100

Cari/e soci/e, sostenitori/sostenitrici e simpatizzanti del Circolo culturale Ghislandi, nel corso dei primi cinque mesi del 2015, 50° anniversario della scomparsa di Guglielmo Ghislandi, abbiamo raggiunto la quota di 92 iscritti/e. Penso che sarebbe bello riuscire a toccare e magari superare quota 100. Faccio quindi appello a tutti/e affinché, se già non l’hanno fatto, aderiscano o regolarizzino la loro iscrizione alla nostra associazione, in modo da segnare un ragguardevole risultato anche sotto questo profilo. Ricordo a chi legge che le quote annuali sono di € 20,00 per i soci/e ordinari, € 6,00 per i soci/e minorenni e/o studenti e di € 50,00 per i soci/e sostenitori/trici.

Il presidente
Pier Luigi Milani