Skip to content

Incontri Tra/Montanti – XXVII edizione

Corna Imagna (BG) 22-24 settembre 2017
Centro studi Val Imagna
“Riabitare le Alpi. Rigenerazione sociale di luoghi, architetture, produzioni e identità locali”
La nuova edizione degli ITM si terrà in Val Imagna, nel bergamasco, su un tema che rappresenta una continuità con quello della precedente che qui si era tenuta nel 2006: Abitare le Alpi. Insediamenti rurali e cultura del paesaggio
Si vuole richiamare l’attenzione circa la necessità di costruire percorsi di sviluppo territoriale coerenti e rispettosi della natura e dell’identità di luoghi, manufatti, ambienti, ma in grado di interpretare, con orgoglio e generosità, le possibili declinazioni attuali. Il restauro del beni diffusi dell’edilizia rurale di tradizione deve essere affiancato a progetti di rifunzionalizzazione e rigenerazione delle comunità locali.
Gli incontri ITM 2017 intendono aprire un tavolo di confronto per dialogare con le esperienze già attivate o in corso di rinascita territoriale e di recupero funzionale dei beni di particolare pregio architettonico, a testimonianza della capacità delle popolazioni alpine di reinventarsi e ritrovare soluzioni creative a fronteggiare periodi difficili e a trasformare situazioni di pericolo in nuove opportunità.

 

Centro studi Val Imagna
Antonio Carminati, direttore
info@centrostudivalleimagna.it
mobile 328-1829993 – See more at: http://www.incontritramontani.it/#sthash.WJ4dwkQu.dpuf

 

Fotogallery Incontro con Chiara Frugoni

Venerdì 19 maggio 2017 alle ore 20.30  presso la Chiesa di Santa Maria Annunciata a Bienno  Chiara Frugoni ha presentato il suo nuovo libro “Senza misericordia. Il Trionfo della Morte e la Danza macabra a Clusone”. Pier Luigi Milani ha presentato la serata, ha interloquito la prof.ssa Virtus Zallot. Intermezzi musicali di Elena Quaglia.

“Waur Ljetzan” – Festa del Fuoco a Giazza

La Pro Loco Ljetzan – Giazza, in collaborazione con il Curatorium Cimbricum Veronense, il Comune di Selva di Progno e con il patrocinio della Comunità Montana, del Parco Naturale Regionale della Lessinia, della Provincia di Verona e del Consorzio Pro Loco Lessinia, è lieta di offrirvi “Waur Ljetzan” – Festa del Fuoco a Giazza.

L'immagine può contenere: sMS

Nella notte più breve dell’anno, a Giazza si accende la magia del Solstizio d’Estate: il 23 Giugno, notte di San Giovanni, nella piazza della piccola comunità cimbra si celebra la Festa del Fuoco (“Waur Ljetzan” in lingua originale). Si tratta della notte più breve dell’anno in quanto il Sole è all’apice della sua luce. Un giorno considerato sacro nelle tradizioni pagane precristiane. Nella festa di S. Giovanni convergono i riti indoeuropei e celtici che esaltano il potere del Fuoco e della Luce, delle acque e della terra feconda di erbe, di messi e di fiori. E’ proprio nella notte di San Giovanni che in tutte le campagne del nord Europa, l’attesa del Sole era ed è propiziata da falò accesi sulle colline e sui monti, perché da sempre con il Fuoco si mettono in fuga le tenebre e, con esse, gli spiriti maligni, le streghe ed i demoni vaganti nel cielo. Attorno ai fuochi si canta e si danza; è una notte magica, una notte di prodigi: le acque trovano voci e parole cristalline, le fiamme disegnano promesse d’amore e di fortuna, il Male si dissolve sconfitto. A Giazza, attraverso rievocazioni, musiche e spettacoli di fuoco, si rinnovano i riti ancestrali dei Cimbri con l’accensione dei 13 bracieri, simbolo della loro unità.

PROGRAMMA della serata:
Ore 21.00: saluti dei Presidenti delle Associzioni e della Pubblica Amministrazione;
Ore 21.15: “Zoè, il principio della vita” della Compagnia Teatrale “Piccolo Nuovo Teatro” di Bastia Umbra (PG): Zoè, ovvero “vita” intesa come riscoperta della nostra essenza, basata sul rapporto uomo/natura.Tratto dal mito di Proserpina, lo spettacolo crea immagini di grande impatto, grazie anche all’utilizzo di effetti pirotecnici, trampoli e fuoco vivo indossato dagli stessi trampolieri.
(http://www.piccolonuovoteatro.it/)
Ore 22.15: rappresentazione di miti e leggende della Lessinia e accensione dei fuochi simbolo dell’unità degli antichi 13 Comuni Cimbri.

Per info: prolocoljetzangiazza@gmail.com
Pro Loco Ljetzan – Giazza 3494632515
Curatorium Cimbricum Veronense 3401926309

A partire dalle ore 19.00 fino alle ore 24.30 circa bus navetta gratuito da Selva di Progno per tutta la serata.

La Pro Loco Ljetzan Giazza ringrazia Vince Fede De Alexander per le musiche, Epa Sound di San Martino Buon Albergo per il service audio e luci, Maria Grazia Comini per la grafica, Luisella Dalla Mora per i costumi, la Brillantina e tutto lo staff del Crazy Look di Badia Calavena per le acconciature e il make up e il Daù Group per le foto.

Itinerari Extravaganti 2017

Alla scoperta del territorio della Valtellina, una valle ricca di storia e di tradizioni e nello stesso tempo proiettata nel futuro, grazie a progetti innovativi ed idee creative che camminano sul filo del rispetto e rilancio delle tradizioni di un’intera popolazione… Sabato 10 giugno, avrete l’occasione di scoprirlo.
Iscrizioni entro mercoledì 31 maggio 2017

itinerari extravaganti 2017

Incontro con Chiara Frugoni

Venerdì 19 maggio 2017 alle ore 20.30 Incontro con Chiara Frugoni presso la Chiesa di Santa Maria Annunciata a Bienno presentazione del libro di Chiara Frugoni  “Senza misericordia. Il Trionfo della Morte e la Danza macabra a Clusone”.

Introduzione della prof.ssa Virtus Zallot. Intermezzi musicali di Elena Quaglia

Locandina presentazione Chiara Frugoni a Bienno

Fotogallery del Convegno “Resistenza seme dell’Europa”

Oggi, domenica 7 maggio 2017, a Corteno Golgi presso la sala consiliare del Comune di Corteno Golgi, “Storia Vite e Progetti per una nuova memoria europea”. Intervento del Sindaco del Comune di Corteno Golgi, Martino Martinotta e della Presidente del Distretto Culturale di Valle Camonica Simona Ferrarini. Con Mimmo Franzinelli, Andrea Becherucci, Antonella Braga, Michele Sarfatti, Bernardino Pasinelli, Ezio Gulberti, Guerino Ramponi.
Durante il convegno è stato presentato il libro promosso dal Distretto Culturale di Valle Camonica e dalla Comunità Ebraica di Milano dal titolo “Cosa avrei potuto fare? Storie di ebrei in Valle Camonica tra fuga e Resistenza“ curato da Bernardino Pasinelli, con la collaborazione dei giovani Serena Furloni e Federico Mondini.

Fotogallery Convegno storico “Nel bicentenario della Febbre petecchiale del 1817

Sabato 6 maggio 2017  inizio ore 14.35 Convegno storico con letture rievocative “Nel bicentenario della Febbre petecchiale del 1817” presso il salone delle conferenze della Pia Fondazione di Valle Camonica a Malegno.

Convegno “Resistenza seme dell’Europa”

Pomeriggio di studio sul tema “Resistenza seme dell’Europa”, Domenica 7 maggio 2017 a Corteno Golgi (Brescia).
Ore 14: inaugurazione (a S.Pietro di Corteno) della Stele in memoria della presenza ebraica in Valle Camonica durante il periodo 1943-1948.
Ore 14,45: nella sala consiliare del Comune di Corteno Golgi, “Storia Vite e Progetti per una nuova memoria europea”.

Durante il convegno verrà presentato il libro promosso dal Distretto Culturale di Valle Camonica e dalla Comunità Ebraica di Milano dal titolo Cosa avrei potuto fare? Storie di ebrei in Valle Camonica tra fuga e Resistenza curato da me, con la collaborazione dei giovani Serena Furloni e Federico Mondini.

 

 

 

 

 

La giornata si chiuderà alle 17,30 con un aperitivo in musica, inseguendo le note di Oskar Klein, jazzista ebreo che nel 1944, a 14 anni, con la famiglia fuggì in Svizzera attraverso la Valle Camonica.

 

 

Locandina inaugurazione_La resistenza seme d’Europa

Nel bicentenario della “Febbre petecchiale” del 1817

Sabato 6 maggio 2017  inizio ore 14.35

Convegno storico con letture rievocative “Nel bicentenario della Febbre petecchiale del 1817”

presso il salone delle conferenze della Pia Fondazione di Valle Camonica a Malegno

Locandina Pia fondazione_ convegno Febbre petecchiale 1817

Mostra “Aldo Caprani” Deputato alla Costituente

70° anniversario della morte di Aldo Caprani (1947-2017)

Sono 9 pannelli che ripercorrono la vita di Aldo Caprani Deputato alla Costituente: 

  1. Aldo Caprani – Figlio di Giovanni e Caterina;
  2. Aldo Caprani – l’Uomo politico 1;
  3. Aldo Caprani – l’Uomo politico 2 l’antifascista;
  4. Aldo Caprani – Esule in Francia;
  5. Aldo Caprani – Patriota e “Garibaldino”;
  6. Aldo Caprani – Dalla Liberazione all’Assemblea Costituente;
  7. Aldo Caprani – “Tribuno del popolo”;
  8. Aldo Caprani – La morte;
  9. Aldo Caprani – Il ricordo dell’uomo e dell’esponente politico.